Genitori dopo il tumore, si può. Riprendere in mano la vita e ripartire, rivedere la luce dopo il tempo buio della malattia con una nuova visione dell'esistenza che solo l'arrivo di un bambino può offrire. Sabato 28 maggio a partire dalle 16 al Lazzaretto di Cagliari si rinnova l'appuntamento con la "Festa dell'Oncologia".

Si chiama AIOM-HuCare ed è la prima Scuola di Umanizzazione in Oncologia in Europa. Sono coinvolti in questo progetto 43 reparti distribuiti su tutto il territorio nazionale con l’obiettivo di individuare e ridurre del 75% i casi di ansia e depressione. Questi disturbi interessano in maniera grave almeno il 35% dei pazienti oncologici, ma oggi solo un terzo dei casi è diagnosticato e curato.

Medicina narrativa è un termine sempre più utilizzato e diffuso quando si parla di salute e di malattia, di medici e di pazienti, di diagnosi e di cure, ma spesso non si ha una idea chiara e precisa di cosa sia esattamente, sia a livello concettuale che nei suoi numerosi aspetti pratici ed esperienziali.

Continua la collaborazione fra la Asl 5 e la Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori di Oristano, che questa volta scelgono di puntare sulla prevenzione terziaria, dedicando un percorso di sostegno alle persone affette da tumore o che hanno già concluso le cure, per aiutarle a convivere meglio con la malattia.

Un ‘pezzo di casa’ lungo i corridoi di un reparto d’ospedale. Uno spazio di tranquillità domestica per rivivere, almeno per qualche ora, un’atmosfera familiare e più intima con i propri parenti. È Salotto Lù, una stanza realizzata all’interno del reparto di Ginecologia dell’Istituto Nazionale dei Tumori.

Rimettere la persona al centro della cura. Riportare a galla la voglia di prendersi cura di sé nonostante il cancro. Una mattina dedicata alle pazienti oncologiche del Businco, ma prima di tutto dedicata alle donne.

Rimettere la persona al centro della cura. Riportare a galla la voglia di prendersi cura di sé nonostante il cancro. Una mattina dedicata alle pazienti oncologiche del Businco, ma prima di tutto dedicata alle donne.

Fattore K. Cancro. Personalizzare le cure per sconfiggere il cancro

La solitudine, la paura di rimanere soli, la sensazione di isolamento, sono le prime emozioni di chi scopre di avere il cancro. Un disagio che aumenta quando la comunicazione col medico e con gli operatori sanitari non avviene in modo efficace.

Riprendere possesso della vita, trovando anche momenti per potersi "coccolare", per riappropriarsi del benessere e sentirsi vive. Per un venerdì al mese il centro benessere del T Hotel di Cagliari apre le porte alle pazienti del gruppo Abbracciamo un sogno, un'ora di relax riservata solo ed esclusivamente a loro...

Pagine