Azienda ospedaliera universitaria di Cagliari e Università insieme in campo per la formazione. E' il Rettore dell'Ateneo cagliaritano, Maria del Zompo, ad annunciarlo, durante Fattore K la giornata dedicata ai pazienti che hanno conosciuto il percorso di diagnosi e cura del tumore: "Attiveremo un modulo ad accesso libero per tutti gli studenti di Medicina e infermieristica sulla comunicazione operatore sanitario-paziente con una parte pratica grazie all'Oncologico e all'Hospice. E anche i pazienti saranno in parte docenti del corso". Un corso importante, spiega il commissario dell'Aou di Cagliari. Giorgio Sorrentino: "La formazione e la ricerca sono nel nostro dna e la buona comunicazione è la prima medicina che possiamo e dobbiamo dare ai nostri pazienti". Davanti a centinaia di pazienti, familiari e studenti universitari, sono state raccontate le storie di dolore ma anche di speranza. Il Progetto Fattore K, nato dall'iniziativa di Sardegna Medicina e dell’infermiera Maria Dolores Palmas, ha vissuto una prima fase all’Oncologico Businco: per questo l’evento è stato aperto dal simbolico passaggio di consegne dal gruppo di pazienti, medici e infermieri dell’Oncologico ai pazienti e agli operatori del Policlinico Duilio Casula di Monserrato. Ai racconti delle esperienze dei malati sono seguiti gli interventi di Emilio Lai sull’hospice e le cure di fine vita e di Mario Scartozzi, il direttore dell’Oncologia Medica all’Aou di Cagliari, che ha fatto il punto sulle regole della buona comunicazione operatore sanitario-paziente. Maria Teresa Ionta, Responsabile della Struttura semplice dipartimentale di Day Hospital Oncologico dell’Aou di Cagliari, ha parlato dell'impatto della comunicazione nel percorso di cura e ha raccontato l’esperienza del Progetto “Informa Cancro”. Infine la tavola rotonda coordinata dal presidente dell'Ordine dei Giornalisti della Sardegna, Francesco Birocchi.

All'evento ha partecipato anche l'assessore alla Sanità della Regione Sardegna Luigi Arru che  ha ribadito l'importanza della formazione continua in medicina e sottolineato l'importanza di istituire dei percorsi formativi che seguano la via della simulazione medica, con l'utilizzo di pazienti simulati.

Insomma un'unione di competenze e risorse in una mattinata dedicata ai pazienti che hanno conosciuto il percorso di diagnosi e cura del tumore: le loro testimonianze e i loro racconti sono stati il punto di partenza sullo stato dell’arte e le prospettive future della formazione alla comunicazione per gli operatori sanitari. Informare ed educare una persona che si ammala di cancro è un aspetto essenziale delle cure; la comunicazione della prima diagnosi e in tutto il periodo di cura, segna in maniera indelebile il rapporto operatore sanitario-paziente, un’alleanza essenziale per riuscire ad affrontare in maniera efficace il percorso terapeutico. "Questo sarà possibile - dice ancora il Rettore di Cagliari, Maria Del Zompo - grazie alla collaborazione dell'Azienda ospedaliero universitaria di Cagliari, con il supporto dell'Associazione Sardegna Medicina. Su questi temi fare le cose insieme è indispensabile".