Tumori ovaio ed endometrio: convegno al San Martino di Oristano

Le neoplasie maligne dell'ovaio e dell'endometrio hanno un forte impatto sociale e interessano indiscriminatamente qualunque fascia di età, senza risparmiare le donne più giovani. Per questo, l'Unità Operativa Complessa di Anatomia ed Istologia Patologica, diretta da Giovanni Antonio Tolu, di concerto con quella di Ostetricia e Ginecologia, guidata da Antonio Onorato Succu, organizzano per giovedì 5 maggio alle 9 nella sala conferenze dell'ospedale “San Martino”, una giornata di incontro, confronto e aggiornamento sul tema rivolta ai professionisti delle relative Unità. Responsabili scientifici dell'evento Nunzio Di Naro, anatomopatologo, e Gianfranco Puggioni, ginecologo.

Un tandem, quello che dà l'impronta all'evento scientifico, che si spiega con la necessità da parte della ginecologia e dell'anatomia patologica, di procedere a stretto contatto: «Queste patologie necessitano di un approccio multidisciplinare, sia durante la fase diagnostica che durante quella terapeutica – spiegano gli organizzatori del seminario – A questo riguardo, una sempre maggiore collaborazione tra il ruolo del patologo e quello del ginecologo rende opportuno un approfondimento congiunto delle tematiche mediche finalizzate a migliorare l'adeguatezza e l'appropriatezza delle prestazioni offerte dalla nostra Asl».

Alla giornata di studi, aperta dai saluti del Commissario Straordinario della Asl 5 di Oristano Maria Giovanna Porcu, avrà un relatore d'eccezione: Gianfranco Zannoni, esperto anatomopatologo dell'ospedale Gemelli di Roma, col quale si approfondiranno i temi chiave dell'evento scientifico anche alla luce delle linee-guida più recenti.